L'altra sera mentre buttavo la borsa da mary poppins sul sedile posteriore pensavo, ok, saluta azzu, di' ciao ciao cds, o dai un ultimo sguardo alla panchina o un'altra di queste tue assurdità rituali, portati via un sasso magari o un ramo di ginestra, quello che vuoi basta che metti... Continua »
settembre 27, 2011

Quello di cui vorrei scrivere è dei pazzi e penso che non sono capace e a volte penso che non sono le parole quelle che servirebbero ma i pennelli di un pittore perchè forse certe cose non possono essere narrate ma solo immobilizzate in un attimo e chi guarda capisce... Continua »
settembre 20, 2011

La mia borsa di lana mi aveva seguita nelle strade di Firenze, nei boschi e nei bar, sui sedili di un'automobile e sui gradini della piazza, a casa di Maxi mentre studiavo tedesco e sul ponte quando mi fermavo un momento prima di tornare a casa.  Era un talismano e... Continua »
settembre 15, 2011

Ho finito di leggere Villetta con piscina, un libro spietato in maniera così sottile che ci metti un po' a capire che quella cosa che ti si è insinuata dentro mano a mano è disagio.  Perchè nei personaggi hai riconosciuto le persone che conosci e sì, anche te stessa.  Quella... Continua »
settembre 12, 2011

Quel corridoio sembrava non finire mai, ieri sera. Io ero ancora nel mio luogo interiore e sentivo l'odore della mia borsa di lana rossa sotto la pioggia. Mi ha distrutto la mediocrità, diceva G, le anime di Ray Charles e di Borges mi sono entrate dentro ed hanno frantumato la... Continua »
settembre 9, 2011

Passo sempre più tempo nel mio luogo interiore; è un posto grande ma composto da molte stanze piccole e raccolte collegate tra loro da corridoi, gradini e porte. Ogni stanza ha un suo colore ed un suo materiale dominante ed anche se sembra che alcune siano uguali non è vero.... Continua »
settembre 7, 2011

Quello che gli altri non capiscono, mai ma proprio mai, quello che hanno cominciato a non capire quando avevo 8 anni e non è cambiato nulla, è che per me giocare secondo le loro regole sarebbe la cosa più facile del mondo. E probabilmente vincerei anche perchè sono regole stupide.... Continua »
settembre 4, 2011